Famiglie di appoggio

CHE COS’È E COME FUNZIONA

Per famiglie di appoggio si intendono coppie o persone singole che intendono mettere a disposizione parte del loro tempo per aiutare un minore e la sua famiglia, attraverso il regime dell’affidamento familiare di tipo diurno o “famiglia d’appoggio”. Questa forma di affidamento è prevista nei casi in cui sia necessario solo un affiancamento ai compiti di cura della famiglia di origine. In questa tipologia di affidamento, quindi, il minore trascorre solo parte della giornata o alcuni giorni della settimana presso la famiglia affidataria. 

Per diventare famiglie di appoggio è necessario intraprendere un percorso di conoscenza con il Centro Affidi del D.S.S.18, che prevede cinque incontri conoscitivi con Assistente Sociale referente e Psicologa.

Al termine del percorso di conoscenza, i nominativi delle famiglie di appoggio vengono inseriti in una banca dati distrettuale, per essere successivamente abbinati alla situazione di un minore per il quale venga ritenuto necessario attivare, da parte del Servizio Sociale, un sostegno ed un affiancamento da parte di una famiglia di appoggio.

 

A CHI È RIVOLTO

Il Servizio è rivolto a qualunque persona e/o coppia interessata ad intraprendere un percorso di conoscenza presso il Centro Affidi del D.S.S. 18, con la finalità di essere di aiuto ad un minore ed alla sua famiglia, attraverso un affidamento diurno o “famiglia di appoggio”.

 

CHE COSA OFFRE

  • Accompagnamento e sostegno del minore, attraverso l’aiuto ed il supporto alla sua famiglia di origine nello svolgimento dei compiti di cura;
  • Eventuale erogazione di un rimborso spese mensile alle famiglie di appoggio, da parte dei Servizi Sociali dell’Ente Locale;
  • Sostegno e supporto alle famiglie di appoggio da parte del Centro Affidi dedicato, composto da Assistente Sociale e Psicologa.

 

MODALITA’ DI ACCESSO

Al servizio si accede attraverso un primo appuntamento informativo con l’Assistente Sociale referente del Centro Affidi. Il percorso di conoscenza prevede quattro incontri conoscitivi:

  • Due colloqui effettuati congiuntamente dall’Assistente Sociale e dalla Psicologa;
  • Un colloquio con la Psicologa del Centro Affidi;
  • Una visita domiciliare, effettuata dall’Assistente Sociale Referente.

 

DOVE RIVOLGERSI

Le famiglie interessate possono chiedere un primo appuntamento all’Assistente Sociale dell’Equipe Affido, contattando i numeri 0187-745683/348-5486820, od inviando un’email all’indirizzo affidofamiliare@comune.sp.it. Il Centro Affidi è situato in Via Fiume n. 207, La Spezia.

 

QUANTO COSTA

Il servizio è gratuito. L’Ente Locale può prevedere l’erogazione di un rimborso spese mensile per le famiglie di appoggio.

 

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA

Alle persone che si propongono per intraprendere il percorso di conoscenza con il Centro Affidi vengono richiesti:

  • Certificato dei carichi pendenti
  • Certificato del casellario giudiziale

Entrambi i documenti sono esenti da marca da bollo per uso adozione minore. I certificati devono essere richiesti c/o il Tribunale Ordinario di residenza.

 

NOTE

L’intervento di affido alle famiglie di appoggio prevede la stipula di un accordo (atto di impegno), che definisce gli obiettivi, gli impegni delle famiglie coinvolte nel progetto e i compiti dei Servizi.

Il Centro Affidi è gestito a livello distrettuale (Distretto Sociosanitario n.18 – Comuni di La Spezia, Lerici e Portovenere).