COVID 19 Il Comune apre un conto corrente per raccogliere fondi

  • 06/04/20 14.00
  • ufficiostampa ufficiostampa
  •   SpeziaNET

La Spezia, 15 aprile 2020 - Il Comune della Spezia ha aperto un conto corrente denominato “Comune della Spezia -  emergenza coronavirus”  finalizzato alla raccolta di   fondi  e alla  promozione di  azioni a beneficio delle famiglie sul territorio per  contrastare le criticità sorte dal difficile momento storico che tutto il mondo sta fronteggiando.

Chiunque volesse fare una donazione potrà farlo utilizzando le seguenti coordinate bancarie:

IT 96 F 02008 10700 000105892106 - Acceso presso il tesoriere unicredit

Intestato a: Comune della Spezia

Causale: “Comune della Spezia emergenza coronavirus”

Facendo appello alla sensibilità di tutti i cittadini per superare insieme questa crisi epidemiologica, si ringraziano sin d’ora, a nome di tutta l’Amministrazione Comunale, tutti coloro che vorranno dare il proprio sostegno.

Si ricorda che il Decreto "Cura Italia", all'art. 66 ha previsto delle specifiche agevolazioni e deducibilità per le donazioni effettuate per l'emergenza coronavirus:

  • per le erogazioni liberali in denaro, effettuate dalle persone fisiche e dagli enti non commerciali, in favore dello Stato, delle regioni, degli enti locali territoriali, di enti o istituzioni pubbliche, di fondazioni associazioni legalmente riconosciute senza scopo di lucro, finalizzate a finanziare gli interventi in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 spetta una detrazione dall'imposta lorda ai fini dell'imposta sul reddito pari al 30%, per un importo non superiore a 30.000 euro;
  • per le medesime erogazioni liberali, effettuate nell'anno 2020 dai soggetti titolari di reddito d'impresa, si applica l'articolo 27 della legge 13 maggio 1999, n. 133 (che prevede la deducibilità dal reddito d'impresa ai fini delle relative imposte le erogazioni liberali in denaro effettuate in favore delle popolazioni colpite da eventi di calamità pubblica). Inoltre per le imprese, ai fini dell'imposta regionale sulle attività produttive, le erogazioni liberali sono già deducibili nell'esercizio 2020.

Con il vostro contributo potremo dare un sostegno più efficace alle persone in difficoltà