AVVIO DEI LAVORI PER LA DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE DELLE PALAZZINE DI VIA BOLOGNA INAUGURAZIONE DEL CANTIERE

  • 15/09/22 9.30
  • redazione
  •   SpeziaNET

La Spezia, 15 settembre 2022 - Questa mattina in via Bologna alla Spezia sono iniziati i lavori per la demolizione e la successiva ricostruzione di alcuni fabbricati da tempo inagibili che finalmente potranno essere restituiti alla città. All’avvio del cantiere erano presenti Marco Scajola, assessore regionale alle Politiche abitative ed Edilizia, Manuela Gagliardi, assessore al patrimonio Comune della Spezia, Marco Tognetti, Amministratore Unico A.R.T.E. La Spezia, Luca dal Fabbro presidente di Iren e Stefano Zuelli di Iren smart solution.

 

Si tratta di 2 palazzine residenziali (suddivise in 4 numeri civici), composte ognuna da
sedici unità immobiliari di ERP distribuite su due corpi scala, sono state costruite nel 1974 e che nel  giugno 2015 a seguito della comparsa di lesioni e deformazioni della struttura, ARTE ha accertato  una condizione di inidoneità statica (la struttura non è antisismica) e di una non convenienza tecnico economica degli interventi necessari per una sua messa in sicurezza tramite opere di consolidamento. In conseguenza di tali accertamenti, l’edificio è stato sgomberato e dichiarato inagibile nel luglio 2015.

All’epoca (luglio 2015), erano disponibili alloggi compresi in un fabbricato nuovo in Comune di Sarzana ed appartamenti nel quartiere spezzino delle Pianazze. ARTE ha provveduto ad assistere totalmente i nuclei interessati dal trasferimento, sostenendo tutti gli oneri derivanti dai traslochi, compresi allacci alle utenze e custodia in magazzini di suppellettili e arredi che non potevano essere trasferiti.

 

“Demolire l’esistente e ricostruire è un’operazione doppiamente vincente perché permette una rigenerazione urbana con edifici a altissima efficienza, sicurezza e modernità, con un risparmio di suolo - dichiara il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini - alla Spezia si continua a investire sull’edilizia residenziale pubblica, perché la casa è la prima forma di dignità di vita, e con Regione Liguria e ARTE abbiamo sempre dimostrato in questi anni di essere in prima linea per non lasciare indietro nessuno. Quello di via Bologna è un vero e proprio investimento di oltre 8milioni di euro, un segnale forte e importante della presenza delle istituzioni sul territorio”

 

“Siamo di fronte a un altro, importante progetto di rigenerazione e riqualificazione che si concretizza – spiega il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti – un ulteriore tassello nel grande lavoro che stiamo portando avanti in tutta la Regione, da Ponente a Levante, con l’obiettivo di fornire all’utenza alloggi moderni e confortevoli, con interventi di efficientamento energetico fondamentali per garantire la sostenibilità degli alloggi e ridurre i consumi. Dopo il grande progetto di Begato, uno dei più importanti interventi di recupero edilizio a livello internazionale, oggi parte il cantiere qui alla Spezia: la demolizione e la ricostruzione delle due palazzine di via Bologna fanno parte di un percorso che ci porterà alla riqualificazione di circa 10mila alloggi in tutta la Liguria”


VIA BOLOGNA 121-123

Mobilità dei nuclei familiari (n° 16) nel giugno 2019 Come nel caso degli inquilini delle palazzine di via Bologna 125 e 127, nel giugno 2019 l’Azienda ha avviato la fase di sgombero delle 16 famiglie residenti in Via Bologna 121/123 e ricollocazione nelle immediate o comunque prossime vicinanze.
Si è infatti conclusa l’indagine messa in atto dall’azienda, iniziata nel 2015 a seguito dello sgombero delle palazzine adiacenti, che ha richiesto tempo e approfondimenti al fine di valutare soluzioni alternative allo sgombero. L’Azienda aveva in allora ritenuto di procedere ad indagini sulla qualità del calcestruzzo e delle barre di armatura anche nel fabbricato sito in Via Bologna 121-123, in quanto analogo e contemporaneo al primo, nonché costruito dalla medesima Impresa, nel frattempo fallita.

DEMOLIZIONE RICOSTRUZIONE PALAZZINE VIA BOLOGNA (SP)

L’analisi di sintesi delle indagini ha dimostrato che «l’edificio presenta importanti carenze nei confronti sia dei carichi statici che delle azioni sismiche» e ciò ha indotto ARTE ad attivarsi per la ricollocazione delle famiglie ivi ospitate.
ARTE ha provveduto ad assistere totalmente i nuclei interessati dal trasferimento, sostenendo tutti gli oneri derivanti dai traslochi, compresi allacci alle utenze e custodia in magazzini di suppellettili e arredi che non potevano essere trasferiti.
Su indicazione dell’Assessore Scajola e del Sindaco Peracchini, costantemente informati della vicenda e delle attività conseguenti, è stata riservata particolare attenzione ai nuclei familiari con minori in età scolare, nuclei con persone disabili e con persone anziani.

CONDIZIONI DI MOBILITA’ APPLICATE

∙ Alloggi pari superficie o similari con possibilità di almeno 2 scelte
∙ Localizzazione alloggi alternativi entro una distanza di 6-700 ml
∙ Mantenimento o riduzione del canone di affitto
∙ Oneri di trasloco/allacci/disdette a carico di ARTE
∙ Precedenza nella scelta degli alloggi ai nuclei “protetti”
Negli anni ARTE è rimasta in costante contatto con alcuni dei nuclei familiari in allora evacuati informandoli ed aggiornandoli sull’attività di programmazione delle opere di intervento.

 

DEMOLIZIONE RICOSTRUZIONE PALAZZINE VIA BOLOGNA (SP)

Attraverso le opportunità offerte dalle detrazioni fiscali del Superbonus 110%, IREN ha aderito al Programma di investimenti proposto da ARTE Spezia ed ha presentato un progetto di intervento finalizzato alla completa demolizione e ricostruzione delle 2 palazzine di Via Bologna.
Il progetto proposto è stato definitivamente approvato e posto a base di gara per l’affidamento della progettazione definitiva-esecutiva e dei lavori, attraverso una procedura di Paternariato Pubblico Privato.

Nello specifico il Progetto prevede:

INVESTIMENTO COMPLESSIVO € 8.682.306,00
(Di cui Lavori) € 6.624.262,00
DEMOLIZIONE DI N° 32 ALLOGGI ERP
RICOSTRUZIONE DI N° 40 ALLOGGI ERP (+ 8 ALLOGGI)
CLASSE ENERGETICA ATTUALE G (CONSUMO 217,79 KWh/mq anno)
CLASSE ENERGETICA FINALE A4 (CONSUMO 8,42 KWh/mq anno)
FABBRICATI ANTISISMICI
IMPIANTI A PROGETTO:
• Sistema ibrido (gas + pompa di calore)
• Contabilizzazione del calore
• Termoregolazione ambienti
• Impianti fotovoltaici
• Pannelli Acqua calda sanitaria
• Cappotto esterno
• Isolamento copertura e infissi


INIZIO LAVORI SETTEMBRE 2022
FINE LAVORI DICEMBRE 2023