Mediateca Regionale Sergio Fregoso Associazione Fotografica "Liberi di Vedere": Lunedì 16 aprile (ore 21) incontro con il fotogiornalista Massimo Sestini sul tema “Fotografia, linguaggio universale”

  • 14/04/18 10.32
  • redazione
  •   SpeziaNET

       La Spezia, 14 aprile 2018 – L’Associazione Fotografica “Liberi di Vedere” ospiterà lunedì 16 aprile 2018 alle ore 21.00, presso la Mediateca Regionale “Sergio Fregoso (in Via Firenze n. 37), il fotogiornalista Massimo Sestini, che presenterà le sue immagini per la prima volta nella nostra città.  L’evento, ad ingresso libero, è aperto a tutti.

       Nato a Prato nel 1963, Massimo Sestini è considerato tra i migliori fotoreporter italiani. I suoi primi scoop arrivano a metà degli anni Ottanta, da Licio Gelli ripreso a Ginevra mentre viene portato in carcere, all’attentato al Rapido 904 nella galleria di San Benedetto Val di Sambro. Sarà il primo a riprendere il primo, clamoroso bikini di Lady D; ma sarà anche testimone della tragedia della Moby Prince, e autore delle foto dall’alto degli attentati a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. 

       Nel 2014 è testimone delle operazioni di salvataggio “Mare Nostrum”, al largo delle coste libiche. Dopo dodici giorni di tempeste, riesce a riprendere dall’elicottero un barcone di migranti tratto in salvo. La foto vince il World Press Photo nel 2015, nella sezione General News. Le fotografie di Sestini raccontano in modo spettacolare la grande storia, oltre alle piccole storie del nostro paese e di tanto mondo. Le sue immagini sono sempre di prima mano, costi quel che costi, denunce, attese su alberi, doppi giochi, finzioni, travestimenti, faccia tosta. E’ così che sono nate che le sue famose paparazzate, da Lady D in bikini al matrimonio blindato di Eros Ramazzotti. Ma il concetto di “paparazzata” di Sestini è un concetto evoluto; non si tratta di mettere a nudo il personaggio del gossip, bensì di raccontare quello che non si dovrebbe vedere, soprattutto i retroscena del potere, della cultura, dell’economia.

       Interrogato in merito alla nascita delle sue fotografie, ha detto: “Nel lavoro non sarei mai arrivato da nessuna parte, perché sono timido. Per questo mi costringo a fare cose impossibili e a non avere limiti. Non mi devo confrontare con il personaggio, vado più in fretta, vado oltre. Da questo nasce anche il mio non rispettare la privacy”. Ma il fotografo degli scoop esclusivi e dei reportage più audaci ci offre anche una nuova visione prospettica, una diversa percezione del mondo, attraverso le sue immagini aeree, che a prima vista sembrano essere una creazione pittorica di linee geometriche, campiture di colori a volte quasi pop, che catturano la nostra attenzione i fanno entrare dall’alto nelle storie raccontate dall’artista, nella cronaca e nell’attualità.