Video sorveglianza Si amplia e si rinnova la rete di telecamere presenti in città

  • 09/07/19 9.43
  • ufficiostampa ufficiostampa
  •   SpeziaNET

La Spezia, 9 luglio 2019 - Questa mattina nella caserma del Corpo di Polizia Municipale di via Lamarmora è stato firmato un contratto di comodato d’uso a titolo gratuito tra Comando di Polizia Municipale e due condomini del Quartiere Umbertino per l’utilizzo del sistema di videosorveglianza a fini di sicurezza urbana installato da due condomini stessi che insistono nel quartiere Umbertino. Non è la prima volta che l’Amministrazione stipula simili convenzioni. Negli anni passati ad esempio in un condominio di Galleria Goito sono state installate alcune telecamere, acquistate dai condomini della zona e grazie all’accordo con la “municipale” incluse nel sistema di videosorveglianza in modo tale che le immagini delle telecamere vengono trasmesse in diretta alla centrale operativa che potrà risalire con maggiore facilità in caso di atti vandalici o utilizzare le immagini ai fini di indagini particolari. Alla firma erano presenti Il sindaco Pierluigi Peracchini, l’amministratore dei due condomini Simone Riolfo, il Comandante del Copro di Polizia Locale Alberto Pagliai e l’assessore Gianmarco Medusei.
Con loro il commissario Massimo Cremona responsabile della sala operativa e Bruno Godani tecnico comunale che ha coordinato le operazioni di installazioni degli impianti presenti in città che grazie a questo accordo sono diventati 100.

I contratti di comodato d’uso fra i privati o Enti e il Comune vanno così a potenziare e incrementare la già fitta rete di videosorveglianza presente in città che ha visto recentemente l’attivazione anche degli impianti di via Carducci e via Lamarmora per via Roma, impianti collocati nell’ambito di progetti della Protezione Civile Comunale così come l’impianto di Piazza Garibaldi.

Oltre ad un incremento di telecamere, gli impianti, principalmente quelli presente nell’Umbertino installati più di 10 anni fa, sono stati oggetto di una rigenerazioni che ha permesso di adattarli agli elevati standard video che consentono elevata qualità di immagine.
Naturalmente tutti gli impianti attivati nel sistema di videosorveglianza sono adeguatamente segnalati ai sensi delle vigenti direttive del Garante della Privacy e a tali direttive si uniformano per ogni aspetto previsto.

“Lo avevamo detto, lo abbiamo fatto – dichiara il Sindaco Pierluigi Peracchini – anche i privati possono acquistare autonomamente le telecamere e poi cederle in comodato d’uso gratuito al Comune per includerle nel sistema di videosorveglianza della Polizia Municipale. Un progetto che siamo ben lieti che coinvolga due condomini del Quartiere Umbertino. I dati del Ministero dell’Interno confermano che rispetto allo scorso anno, i reati sono in netto calo: ciò conferma la bontà della nostra azione amministrativa e la direzione giusta che abbiamo intrapreso . Non ci fermeremo qui perché la tranquillità e la serenità dei nostri concittadini è assolutamente prioritaria, soprattutto in un quartiere come l’Umbertino che per troppo tempo è stato trascurato.“

Ulteriori implementazioni del sistema sono previste a breve qualora sia definitivamente approvato in sede ministeriale il progetto “ Scuole Sicure” recentemente approvato anche dal Comitato per l’Ordine e la Sicurezza, nell’ambito della riqualificazione in itinere dei giardini pubblici ove saranno installati alcuni impianti e in caso di approvazione di finanziamento regionale (il cui bando è stato recentemente pubblicato) riferito a progetto che vede il Comune della Spezia partner dei Comuni di Portovenere e Riccò del Golfo essenzialmente basato su impianti video mobili ad elevata tecnologia in grado di connettersi al sistema di videosorveglianza comunale.

Il progetto, come d’altronde previsto nel bando regionale, non appena messo a punto dovrà essere sottoposto all’attenzione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica per il parere di competenza.