Salta al contenuto

Contenuto

La Spezia, 27 ottobre 2023 – Il Museo Civico Amedeo Lia della Spezia si conferma uno dei musei più apprezzati d’Europa avendo avuto il grande onore di prestare due opere importanti della sua collezione, le due tavole di Sebastiano del Piombo raffiguranti rispettivamente la Nascita e la Morte di Adone, all’Alte Pinakothek di Monaco di Baviera che aprirà al pubblico la mostra “Venezia 500. The Gentle Revolution of Venetian Painting” dedicata alla stagione rinascimentale veneziana venerdì 27 ottobre.

“Il Museo Civico Amedeo Lia vanta capolavori di grandissimo pregio e la richiesta di prestito che ci giunge da importanti Musei europei, come appunto l’Alte Pinakothek di Monaco di Baviera, è motivo di grande orgoglio per la nostra città – dichiara il Sindaco Pierluigi Peracchini – Da alcuni mesi abbiamo rinnovato l’accordo di comodato d’uso gratuito per quanto riguarda le opere d’arte che sono presenti al Museo, grazie alla collaborazione con la famiglia Lia, con importanti novità che ci consentiranno di valorizzarlo sempre più a livello nazionale e internazionale e accrescerne la notorietà.”

Il nucleo della mostra è costituito da quindici capolavori della collezione permanente di Monaco, ai quali si aggiungono prestiti di opere provenienti da altri Musei, tra i quali il Museo Lia, il Louvre, gli Uffizi, la Pinacoteca di Brera, la National Gallery di Londra e il Metropolitan di New York.

Gli splendidi dipinti prestati dalla collezione del Museo Civico Amedeo Lia raccontano una favola mitologica, il mito del bellissimo Adone, illustrandone la prodigiosa nascita, la passione di Afrodite e la tragedia della precoce morte. Tra le opere più apprezzate del Museo Lia, in effetti le due tavole, dopo una lunga attribuzione a Giorgione, sono state con maggior pertinenza riportate al catalogo del giovane Sebastiano Luciani, detto in seguito del Piombo per essere nominato, a Roma, piombatore pontificio.

Dal dialogo con le opere selezionate in occasione di questo grande evento espositivo emergeranno con chiarezza gli sviluppi e le innovazioni artistiche apportate dalla pittura veneziana, quando, al principio del Cinquecento, il colore diviene vero protagonista. Ai dipinti sono associati disegni e sculture, opere in marmo e legno a dimostrazione, come dice il titolo della mostra, della gentile rivoluzione messa in atto a Venezia, tanto nella laguna che nella terraferma, in quegli straordinari decenni.

A cura di

Questa pagina è gestita da

CdR Comunicazione e Promozione della città

Piazza Europa, 1

19124 La Spezia

Ultimo aggiornamento: 27-10-2023, 10:10